+39 3394867053

 

Tsunami, nube tossica, attacco alle Torri Gemelle, terrorismo, terremoti e tanti altri ancora credevamo fossero gli unici eventi storici che potessero modificare la nostra mente e il nostro modo di viaggiare.

Invece non è così: nel 2020 è arrivata una pandemia che ha completamente stravolto le nostre vite e da quel momento nulla è più come prima. Forse non sarà peggio, ma di certo sarà diverso.

Tutti o quasi alla domanda “che cosa vorreste fare appena finito questo periodo?” rispondono: “viaggiare!”

 

 

Ma come cambierà il modo di viaggiare dopo questa pandemia? E quali sono i pensieri delle persone nell’affrontare un nuovo viaggio post-pandemia?

Primo: oltre la metà dei viaggiatori a livello mondiale sostiene di voler ricominciare a viaggiare dopo il vaccino. La fame di viaggi, di organizzare dei week-end, di condivisione aumenta però ogni giorno sempre di più, in particolare visto l’obbligo ancora forte di restare a casa. Durante il lockdown quasi la totalità delle persone almeno una volta alla settimana ha cercato online destinazioni nuove, esperienze, hotel e voli per viaggi futuri. È innata nell’uomo la voglia di spostamento e condivisione, con una voglia sempre maggiore di farlo in sicurezza.

Secondo: ci sarà un’attenzione sempre più forte al supporto delle comunità locali in tutto il mondo. I viaggiatori vogliono aiutare i paesi dove soggiorneranno perché possano “rimettersi in piedi” dopo la pandemia. Per questo noi di Lookingforitaly.it vogliamo aiutare le comunità locali donando loro parte del nostro guadagno. I viaggiatori viaggeranno in modo sempre più sostenibile producendo meno rifiuti, meno plastica, prendendosi più a cuore il loro benessere e il benessere del mondo in cui vivono.

Terzo: ci sarà un ritorno ai viaggi di prossimità perché le persone si sentono più sicure, gli spostamenti avvengono in modo più semplice e si può rientrare molto facilmente. I viaggi di prossimità porteranno a un “viaggiare più lento”, non si viaggerà più di fretta solo per visitare più cose possibili nel minor tempo possibile. Questo tipo di turismo di prossimità farà risparmiare tempo negli spostamenti e a volte anche denaro.

Quarto: cambierà il modo di spostarsi, le persone ameranno sempre meno i mezzi di trasporto affollati perché avranno paura di contrarre il Coronavirus. Questo porterà per esempio sempre più a organizzazioni di fly&drive, a noleggiare auto o a viaggiare con la propria auto. I viaggiatori saranno sempre più rispettosi e attenti alle misure di sicurezza. Le persone avranno sempre più il piacere di muoversi in bici oppure anche a piedi.

Quinto: “voglia estrema di energia umana” sembra il nome di un film, invece è forse l’esigenza di tutti. Si farà di certo attenzione al come viaggiare o a scegliere i luoghi meno affollati, ma le persone che sono state recluse e che lavorano a casa da mesi necessitano di vicinanza, hanno bisogno di connettersi con altre persone per arricchire il loro viaggio. Sicuramente dal lato umano il viaggio sarà ancora più di condivisione, di gruppi, di community, per sentirsi sempre insieme e mai soli.

 

 

Tutte queste saranno delle evoluzioni e dei cambiamenti nel modo di viaggiare di ognuno di noi. La pandemia del 2020 è stata un qualcosa senza precedenti e sicuramente per tornare a viaggiare come in passato ci vorrà ancora un bel po’, ma la cosa più importante è che per tanti, se non per tutti, il viaggiare rimane una delle cose più importanti da fare nelle nostre vite. L’augurio è che si possa quindi tornare presto a parlare di un altro tipo di virus, come disse lo scrittore polacco Ryszard Kapuściński: “Il virus del viaggio, malattia sostanzialmente incurabile”.

Viaggio è gioia, condivisione, conoscenza, esplorazione, stimoli: è la descrizione esatta del benessere.

Noi di Lookingforitaly.it vi faremo viaggiare in tutta sicurezza, saremo sempre al vostro fianco e non solo viaggiando con noi aiuterete l’Italia, ma scoprirete ciò che il pianeta ha di incredibile da farvi conoscere.